Minerva in Libia

 

Progetto

 

A Sostegno delle Donne Libiche per affermare Diritti e Cultura della libertà nella Società e in Costituzione”.

Con il sostegno del MAECI, Minerva prosegue l’attività di cooperazione con e per le donne libiche con un’ attività progettuale che si colloca nell’alveo del consolidato modello italiano per l’accompagnamento e incoraggiamento dei processi di riconciliazione nazionale post-conflitto, in un’area cruciale per la stabilità dell’ intero Mediterraneo come la Libia. Si pone come ponte culturale tra Italia e Libia per intensificare la condivisione dell’attività di contrasto contro il terrorismo e il male che lo alimenta: il fanatismo islamista; per sostenere il Governo di Unità Nazionale impegnato a superare le perduranti divisioni fra fazioni in territorio libico, a dare una soluzione interna e internazionale che apra la strada alla stabilità, alla ricostruzione democratica e alla sicurezza del Mediterraneo. In questa auspicata prospettiva, si pone “ora per allora”, ovvero preparando fin d’ora il terreno culturale e giuridico in vista dell’auspicata nuova Costituzione, con un’attività di scambio italo-libico sugli approfondimenti opportuni. Un serio confronto sull’individuazione dei cruciali temi che, in base alle molteplici esperienze del passato lontano e recente, dovranno a breve sostenere e indirizzare la elaborazione e stesura di un testo di Costituzione nella fase di transizione pacifica che sia basata su principi e valori democratici. Tra questi, il principio fondante dell’uguaglianza donna-uomo.

E poiché noi italiani abbiamo un patrimonio di cultura costituzionale senza eguali e siamo da sempre in prima linea nella battaglia per i diritti delle donne, abbiamo titolo per dare, con competenza e passione, un valido sostegno alle donne libiche nella loro rivendicazione e affermazione dei valori di libertà e rispetto umano, dei diritti di parità e del loro ruolo sociale per e in Libia.

 

SEMINARIO

                            “Con le donne libiche e il loro impegno sui diritti, la pacificazione e stabilizzazione in Libia”

30 Giugno – 1 luglio 2017

Biblioteche Riunite “Civiche e A. Ursino Recupero”. Refettorio Piccolo 

( Monastero dei benedettini San Nicolò l’Arena) – Catania 

 

Hanno portato i saluti:

l’On. Marina Sereni, Vice Presidente della Camera dei Deputati 

Min. Plen. Diego Brasioli, Vice Direttore Generale/ Direttore Centrale pe ri Paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente – DGAP

Dott. Pierluigi Severi, Presidente di Minerva

PANELISTS

Ms Fatma Abubaker, Legal and activist; Ms Mabroukah Alqamati, Local Council Member; Ms Amal Altahir Abdullah Alhaaj, Activist, Board Director of Free Communications; Ms Turkia Alwaer, President of Atwar Organization for Research & Community development and Member of the Libyan Political Dialogue; Ms Sofia Amoddio, Member of Italian Parliament, Chamber of Deputies, Justice Commission Mr Claudio Barone, General Secretary UIL, Sicily; Ms Emma D’Aquino, journalist TG1 RAI; Ms Samira Elmasoudi, President of “Development Organization in Support of Youth and Women in Libya”; Mr Giuseppe Gualtieri, Chief of Police of Catania; Ms Souadou Lagdaf, Professor of the History of Islamic Countries, University of Catania; Ms Daniela Melfa, Professor of History of the Countries of Mediterranean Africa and the Middle East, University of Catania, University of CataniaMr Andrea Pacella, Researcher of Economic Policy – Department of Law University of Catania; Ms Fareehah Tahir Adim, President of the Trade Union Libya

COMUNICATO STAMPA
A Catania, la voce delle donne libiche per costruire la pace nel Mediterraneo

Si svolgerà il 30 giugno-1 luglio, presso le Biblioteche Riunite “Civica e A. Ursino Recupero”, Catania, il Seminario “Con le donne libiche e il loro impegno sui diritti, la pacificazione e stabilizzazione in Libia” promosso e organizzato da MINERVA con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e il patrocinio del Comune di Catania.

Saranno presenti donne libiche, parlamentari e rappresentanti di associazioni e forum della società civile che daranno vita ad un dibattito con l’obiettivo di contribuire al percorso di pace nazionale, in un momento particolarmente delicato per la Libia e che riguarda da vicino la pace nel Mediterraneo.

Una due-giorni di Seminario, cui seguirà il successivo di Roma, di discussione e confronto con esperti italiani e rappresentanti delle istituzioni sugli strumenti giuridici, economici, sociali che in una fase di “state-building” sono necessari per favorire il riconoscimento della parità di genere, le azioni di contrasto contro ogni violenza, incluso il traffico criminale dei flussi migratori tra Libia e Italia, e i ruoli di leadership femminile nel percorso democratico verso il nuovo Stato libico.

Porteranno i saluti istituzionali:

On. Enzo Bianco, sindaco di Catania; Min. Plen. Diego Brasioli, Vice Direttore Generale per gli Affari Politici/Direttore Centrale per i Paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente;
Mr Pierluigi Severi, presidente di Minerva. E con la partecipazione dell’On. Marina Sereni, Vice presidente della Camera dei Deputati.
Gli esperti che si confronteranno e daranno vita al dibattito:

Ms Amaal Altahir Abdullah Alhaai, Attivista, Board Director dell’Organizzazione Libica “Free Communications”; Ms Fatma Abubaker, Attivista; Ms Mabroukah Alqamati, Membro del Consiglio comunale; Ms Turkia Alwaer, Presidente di “Atwar Organization for Research & Community development” e Membro del Dialogo Nazionale Libico; Ms Sofia Amoddio, Membro del Parlamento italiano, Camera dei Deputati, Commissione Giustizia; Mr Claudio Barone, Segretario Generale UIL Sicilia; Ms Emma D’Aquino, Giornalista – TG1 RAI; Ms Samira ElMasoudi, Presidente di “Development Organization in Support of Youth and Women in Libya”; Mr Giuseppe Gualtieri, Questore di Catania; Ms Souadou Lagdaf, Docente di Storia dei Paesi Islamici, Università di Catania; Ms Daniela Melfa, Docente di Storia e istituzioni dell’Africa presso il dipartimento di Scienze politiche e Sociali dell’Università di Catania; Mr Andrea Pacella, Ricercatore in Economia Politica, Università di Catania; Ms Fareehah Tahir Adim, Presidente “Trade Union Libya”.
MINERVA è una cooperativa non profit che opera in Italia, in Europa e nel Mondo. Nel corso degli anni ha ampliato la sua missione alla realizzazione di progetti di cooperazione internazionale, attività internazionali sostenute dal Ministero Italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale (MAECI) e dall’Unione Europea.

Tra le manifestazioni più significative, ogni anno promuove e organizza il PREMIO MINERVA Anna Maria Mammoliti, alla sua XXVIII Edizione nel 2017, primo riconoscimento italiano dedicato alle donne, istituito da Anna Maria Mammoliti, fondatrice dell’associazione Il Club delle Donne nel 1983, a lei intitolato dopo la scomparsa nel 2009.

 

INVITO SEMINARIO

“Le Donne Libiche: unire idee e sforzi per vincere le principali sfide interne ed esterne”

“Women in Libya: combining ideas and efforts to overcome the main internal and external challenges”

 Seminario organizzato da

Minerva 

con il sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

27 OTTOBRE 

SALA MAPPAMONDO – CAMERA DEI DEPUTATI

 

COMUNICATO STAMPA 

 

RASSEGNA STAMPA 

 

PHOTO GALLERY

Cenni sulla Libia

La Libia (in arabo: ليبيا‎, Lībiyā), ufficialmente Stato della Libia, è uno Stato del Nordafrica.

La Libia occupa la parte centrale del Nordafrica, affacciandosi sul Mar Mediterraneo intorno al Golfo della Sirte, tra il 10º e il 25º meridiano est; la Libia è il quarto paese dell’Africa per superficie, il diciassettesimo del mondo. Confina a nord-ovest con la Tunisia, a ovest con l’Algeria, a sud con il Niger e il Ciad, a sud-est col Sudan, a est con l’Egitto.

fonte wikipidia

Yemen

Pin It on Pinterest

Share This