Minerva in Iraq

UN SEMINARIO INTERNAZIONALE SU “DEMOCRAZIA E LIBERTÀ”

Genova 3-4 NOVEMBRE 2011

Il 3 e 4 Novembre , nella Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Genova si è tenuto il Seminario internazionale sul temaDemocrazia e Libertà: il Ruolo delle Donne rivolto ad esponenti del mondo femminile e delle Istituzioni dell’Iraq e del Kurdistan iracheno. L’importante progetto formativo e di scambio di conoscenze fa seguito al Seminario Internazionale svoltosi nel Maggio scorso a Roma sul tema “La condizione giuridica della donna: il diritto di famiglia”. Il Seminario ha visto la partecipazione di un prestigioso panel di relatrici e relatori iracheni, italiani ed europei, che hanno affrontato il tema dei diritti delle donne in Iraq, in sei sessioni tematiche sulla rappresentanza e l’influenza delle donne in politica, i diritti violati nel matrimonio, lo Stato di diritto e la libertà religiosa, la lotta delle donne per la parità nel lavoro e nella scuola, la questione sanitaria e le politiche per l’infanzia e, infine, la creatività e il sapere femminile attraverso la cultura, l’arte e la comunicazione.

Alcuni dei nomi delle relatrici irachene: Safia Al Souhail, Berevan Sarhank e Vian Dakheel, donne del Parlamento iracheno; Ghada Al Aamili, direttore di Al Mada Establishment Media, Souad Al Jazairy, giornalista, scrittrice e produttore televisivo, Maha Al Sakban, direttore del Centro Diritti della Donna.

Tra le italiane e le europee: Maria Rosa Biggi, consigliere del Comune di Genova, Rita Falaschi, responsabile Ufficio Pari Opportunità e Politiche Sociali della Provincia di Genova, Marylin Fusco, vice presidente della Regione Liguria, Adele Maiello, prof.ssa di Storia Contemporanea all’Università degli Studi di Genova, Silvia Neonato, giornalista di “Leggendaria”, Simone Ovart, presidente UN Women Italy, Alessandra Rissotto, giornalista RAI tg3 Liguria.

Tra i relatori italiani: Aristide Canepa, professore di Diritto Costituzionale dei Paesi del Mediterraneo all’Università degli Studi di Genova, Cesare Maria Calabrese, giudice onorario del Tribunale per i Minorenni della Sezione di Corte di Appello di Genova.

Il Seminario è stato promosso e organizzato da MINERVA, la società cooperativa con esperienza trentennale sulle tematiche femminili nazionali e internazionali, in collaborazione con LAW (Legal Aid Worldwide), onlus di avvocati e professionisti dei diritti umani e civili. Il Seminario è parte di un progetto più generale realizzato, con il contributo del Ministero degli Affari esteri, da NPSG (Non c’è pace senza giustizia), in partnership con l’associazione irachena IAJ (International Alliance for Justice), MINERVA E LAW, e che ha l’obiettivo di promuovere il ruolo culturale e politico delle donne in Iraq, all’interno della ricostruzione democratica in Iraq e dei diritti per tutti.

( PHOTO GALLERY http://www.minervaonline.org/?project=seminario-women-in-iraq-democrazia-e-liberta-il-ruolo-delle-donne )

Invito

“LA CONDIZIONE GIURIDICA DELLA DONNA E IL DIRITTO DI FAMIGLIA”

Roma 30-31 Maggio 2011

Il 30 e il 31 maggio presso l’Università Roma Tre si è svolto il Convegno “Women In Iraq”, sul tema La condizione giuridica della donna e il diritto di famigliaorganizzato da Minerva e Law nell’ambito di un progetto più ampio che vede coinvolti anche Non c’è Pace senza Giustizia e International Alliance for Justice. L’importante progetto formativo è rivolto ad esponenti del mondo femminile e delle Istituzioni dell’Iraq. Ha visto la partecipazione di un prestigioso panel di relatori esperti giuridici iracheni, italiani ed europei, che hanno affrontato il tema dei diritti delle donne in Iraq, partendo dall’evoluzione legislativa, dal sistema giudiziario civile e penale in Italia ed Europa e dalla realtà giuridica irachena; i diritti civili e politici, l’evoluzione del diritto di famiglia, l’assistenza e la sicurezza della donna nel lavoro, la protezione penale contro le violenze.

Del rilevante tema giuridico e sociale hanno discusso: Safia Al Souhail, Maysoon Al Damluji, Intisar Al Jubouri, tre donne membri del Parlamento iracheno; Kurdo Omar Abdullah, a capo dell’Antiviolenza contro le donne alla direzione del Ministero dell’Interno iracheno; Barween Mohammed, Vice Direttore Generale dell’Iraqi Civil Society Registration Office a Baghdad; Maha Al Sakban, direttore del Centro Diritti della Donna; Houzan Mahmoud di OWFI (Organization of Women’s Freedom in Iraq); Kasim Abdula Jasim, avvocato del Ministero della Donna Iracheno; Simone Ovart, presidente Comitato Nazionale UN WOMEN Italia.

Degli italiani: Francesca Brezzi, docente di Filosofia Morale all’Università Roma Tre e delegata del Rettore per le Pari Opportunità; Marisa Ferrari Occhionero, professore straordinario di Sociologia all’Università La Sapienza di Roma e membro dell’Osservatorio Interuniversitario sugli Studi di genere, Parità e Pari Opportunità; Carlo Guglielmo Izzo, avvocato, già giudice del Tribunale di Roma; Laura Guercio, presidente di Law; Paolo Iorio, avvocato, presidente onorario di Avocats Sans Frontières; Girolamo Lanzellotto, presidente del Tribunale di Terni; Tiziana Orrù, Consigliere della Corte d’Appello di Roma; Vilma Passamonti, giudice del Tribunale di Viterbo; Alfonso Sabella, giudice penale del Tribunale di Roma.

( PHOTO GALLERY http://www.minervaonline.org/?project=la-condizione-giuridica-della-donna-il-diritto-di-famiglia )

Invito

Cenni sull’Iraq

L’Iraq, o Repubblica d’Iraq (in arabo: جمهورية العراق‎, Jumhūriyyat al-‘Irāq) è uno Stato dell’Asia occidentale.

Confina con Turchia a nord, Arabia Saudita e Kuwait a sud, Siria a nordovest, Giordania a ovest e Iran verso est. Il territorio dell’Iraq corrisponde approssimativamente al territorio dell’antica Mesopotamia, la “terra dei fiumi” (Bilād al-Rafidayn in arabo), mentre il nome attuale viene dal persiano eraq, ossia “terre basse” (in contrapposizione all’altopiano iranico). La capitale è Baghdad. Possiede la terza riserva di petrolio al mondo.

Il Paese è stato per circa 25 anni governato in maniera autoritaria dal regime dittatoriale di Saddam Hussein. In seguito alla caduta di Saddam Hussein avvenuta nel 2003, l’Iraq è divenuto nel 2005 una repubblica parlamentare federale. La parte occidentale del Paese è controllata dal gruppo jihadista Stato Islamico, in guerra col governo centrale.

fonte wikipidia

Iraq

Pin It on Pinterest

Share This